Treviso Coronavirus, autobus di badanti contagiate, ASL Ottieni il tuo tampone anche se irregolare

TREVISO Le badanti che vengono dallestero devono contattare immediatamente i nostri centri per eseguire gratuitamente il tampone coronavirus. Anche quelli che non sono ancora in ordine. Non ci sono problemi le porte sono aperte a tutti. meglio che siano sicuri di non aver contratto Covid-19, proteggendo la loro salute e quella degli anziani assistiti, dei familiari e degli amici, piuttosto che rimanere nascosti, rischiando forse di lamentarsi per uninfezione infetta . Lappello viene da Francesco Benazzi. Il direttore generale dellautorit sanitaria locale di Treviso sa che senza un atteggiamento responsabile da parte dei cittadini diventa impossibile fermare le contagi sul nascere. E quindi chiede la massima collaborazione. In poche ore nella Marca sono emerse 7 infezioni, tutte relative a persone che tornano dal Kosovo. Ora stiamo cercando di far fronte a due diversi focolai.Preoccuparsi soprattutto il viaggio intrapreso da un furgone di unagenzia privata con una ventina di passeggeri a bordo, tra cui diversi accompagnatori che, dopo aver lasciato i Balcani, sono entrati in Italia attraverso il Friuli, si sono fermati domenica sera a Treviso e hanno continuato a Bologna. 5 persone scesero a Treviso. Due sono gi risultati positivi. La prima era una signora di 55 anni che andava a trovare sua figlia. Aveva la febbre. E il tampone ha confermato i sospetti. Poco dopo, emerse anche la positivit di sua cognata, 57 anni, che era a bordo dello stesso autobus. Entrambi sono in isolamento domestico. Di seguito, il servizio di igiene e sanit pubblica riuscito a recuperare lelenco dei passeggeri. Da ci si capito che altri tre si erano fermati a Treviso. Dopo averli identificati, furono a loro volta messi in quarantena e sottoposti a tampone. Il risultato arriver oggi. Ma mancano altre 15 persone. Apparentemente non sono andati in altre citt del Veneto. Oltre ad alcune pause, la fermata successiva era direttamente a Bologna. Ora essenziale rintracciarli per evitare il rischio di una nuova diffusione del virus in tutto il nord Italia.Abbiamo immediatamente informato gli altri USL coinvolti, specifica Benazzi. Non c tempo da perdere. La donna di 55 anni, che si rivelata positiva, non una badante, sottolinea Anna Pupo, direttrice del servizio di igiene e sanit pubblica di Treviso, n lei n sua cognata, tuttavia, avrebbero avuto tempo di lavorare sono stati immediatamente messi in isolamento . Ma hanno avuto molti contatti con i caregiver. Questo il nodo.Laltro focolaio iniziato con un uomo di 67 anni che ha scoperto di essere positivo dopo essersi rivolto al pronto soccorso di Treviso per un attacco di cuore. Loperazione al cuore ha avuto successo. Ora rimane nellunit delle malattie infettive. E praticamente tutta la sua famiglia stata infettata sua moglie di 62 anni, sua nuora, anchessa incinta, e i suoi due nipoti di 8 e 5 anni. Solo il tampone eseguito sul bambino fallito. In breve, il fronte dei Balcani sta diventando pi caldo.Tanto che la stessa Pupo invita le persone di quei paesi a posticipare le vacanze. Vista la situazione epidemiologica in alcuni paesi dellarea balcanica, afferma che sarebbe opportuno che questanno tutti coloro che provengono da quelle zone rinunciassero al loro ritorno a casa per le vacanze estive, per non esporre se stessi, le loro famiglie e comunit a rischio di diffusione di contagi . Qui il virus ha perso forza. Coloro che provengono dallestero, in particolare dallarea non Schengen, dove evidentemente il lavoro svolto in Veneto non stato svolto, sono virus che invece ha ancora una forza che pu causare casi anche con sintomi importanti. I confini dovrebbero essere chiusi. Tuttavia, non una decisione che ci appartiene. Per questo motivo, nel frattempo, invitiamo tutti i caregiver che sono tornati dallestero a preparare il tampone per coronavirus .App Badante una App sociale network semplice, veloce e sicura, integrata con il web, che consente a chi cerca assistenza domiciliare privata di poterla trovare senza intermediari, agenzie o terze persone, e per coloro che sono alla ricerca di nuove offerte di lavoro come badante, di trovare una occupazione sicura. con la app badanti puoi trovare assistenza anziani e disabili, nuove leggi, contratti badanti colf, costo contributi badante, diritti per badanti, etc. ovvero tutto quello che pu essere di aiuto ad anziani, malati, disabili, e al lavoro badante in generale.

App Badanti, Assistenti, Babysitter
DOVE:
MESE:
TIPO:
CERCA
Treviso Coronavirus, autobus di badanti contagiate, ASL: Ottieni il tuo tampone anche se irregolare
Treviso Coronavirus, autobus di badanti contagiate, ASL: Ottieni il tuo tampone anche se irregolare
1000-650|||
luglio
12
Treviso Coronavirus, autobus di badanti contagiate, ASL: Ottieni il tuo tampone anche se irregolare
A CURA DI BADANTI APP IN  BADANTI 
TREVISO «Le badanti che vengono dall'estero devono contattare immediatamente i nostri centri per eseguire gratuitamente il tampone coronavirus. Anche quelli che non sono ancora in ordine. Non ci sono problemi: le porte sono aperte a tutti. È meglio che siano sicuri di non aver contratto Covid-19, proteggendo la loro salute e quella degli anziani assistiti, dei familiari e degli amici, piuttosto che rimanere nascosti, rischiando forse di lamentarsi per un'infezione infetta ». L'appello viene da Francesco Benazzi. Il direttore generale dell'autorità sanitaria locale di Treviso sa che senza un atteggiamento responsabile da parte dei cittadini diventa impossibile fermare le contagi sul nascere. E quindi chiede la massima collaborazione. In poche ore nella Marca sono emerse 7 infezioni, tutte relative a persone che tornano dal Kosovo. Ora stiamo cercando di far fronte a due diversi focolai.

Preoccuparsi è soprattutto il viaggio intrapreso da un furgone di un'agenzia privata con una ventina di passeggeri a bordo, tra cui diversi accompagnatori che, dopo aver lasciato i Balcani, sono entrati in Italia attraverso il Friuli, si sono fermati domenica sera a Treviso e hanno continuato a Bologna. 5 persone scesero a Treviso. Due sono già risultati positivi. La prima era una signora di 55 anni che andava a trovare sua figlia. Aveva la febbre. E il tampone ha confermato i sospetti. Poco dopo, emerse anche la positività di sua cognata, 57 anni, che era a bordo dello stesso autobus. Entrambi sono in isolamento domestico. Di seguito, il servizio di igiene e sanità pubblica è riuscito a recuperare l'elenco dei passeggeri. Da ciò si è capito che altri tre si erano fermati a Treviso. Dopo averli identificati, furono a loro volta messi in quarantena e sottoposti a tampone. Il risultato arriverà oggi. Ma mancano altre 15 persone. Apparentemente non sono andati in altre città del Veneto. Oltre ad alcune pause, la fermata successiva era direttamente a Bologna. Ora è essenziale rintracciarli per evitare il rischio di una nuova diffusione del virus in tutto il nord Italia.
"Abbiamo immediatamente informato gli altri USL coinvolti", specifica Benazzi. Non c'è tempo da perdere. "La donna di 55 anni, che si è rivelata positiva, non è una badante, sottolinea Anna Pupo, direttrice del servizio di igiene e sanità pubblica di Treviso, né lei né sua cognata, tuttavia, avrebbero avuto tempo di lavorare: sono stati immediatamente messi in isolamento ". Ma hanno avuto molti contatti con i caregiver. Questo è il nodo.

L'altro focolaio è iniziato con un uomo di 67 anni che ha scoperto di essere positivo dopo essersi rivolto al pronto soccorso di Treviso per un attacco di cuore. L'operazione al cuore ha avuto successo. Ora rimane nell'unità delle malattie infettive. E praticamente tutta la sua famiglia è stata infettata: sua moglie di 62 anni, sua nuora, anch'essa incinta, e i suoi due nipoti di 8 e 5 anni. Solo il tampone eseguito sul bambino è fallito. In breve, il fronte dei Balcani sta diventando più caldo.

Tanto che la stessa Pupo invita le persone di quei paesi a posticipare le vacanze. "Vista la situazione epidemiologica in alcuni paesi dell'area balcanica, afferma che sarebbe opportuno che quest'anno tutti coloro che provengono da quelle zone rinunciassero al loro ritorno a casa per le vacanze estive, per non esporre se stessi, le loro famiglie e comunità a rischio di diffusione di contagi »." Qui il virus ha perso forza. Coloro che provengono dall'estero, in particolare dall'area non Schengen, dove evidentemente il lavoro svolto in Veneto non è stato svolto, sono virus che invece ha ancora una forza che può causare casi anche con sintomi importanti. I confini dovrebbero essere chiusi. Tuttavia, non è una decisione che ci appartiene. Per questo motivo, nel frattempo, invitiamo tutti i caregiver che sono tornati dall'estero a preparare il tampone per coronavirus ».
CONDIVIDI:
Treviso Coronavirus autobus di badanti contagiate ASL Ottieni il tuo tampone anche se irregolare marocchine bologna badanti badanti in
Treviso Coronavirus autobus di badanti contagiate ASL Ottieni il tuo tampone anche se irregolare marocchine bologna badanti badanti in
Treviso Coronavirus autobus di badanti contagiate ASL Ottieni il tuo tampone anche se irregolare marocchine bologna badanti badanti in
Treviso Coronavirus autobus di badanti contagiate ASL Ottieni il tuo tampone anche se irregolare marocchine bologna badanti badanti in

Leggi anche:
Italia
Contagi, badanti fuori controllo: in Friuli almeno 13mila sono straniere
UDINE - I loro datori di lavoro sono famiglie. Non hanno aziende strutturate dietro di loro, non sono tra le categorie che duran...
>>
Italia
Badanti bloccate dalla pandemia, famiglie in difficolta'
Molte professioniste non riescono a rientrare dai paesi di origine, dall'Ucraina alla Moldova, dove il covid è in crescit...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
VUOI RICEVERE LE NOSTRE NEWS?
BADANTI
  • ITALIA
  • ARCHIVIO
    BADANTI LUGLIO 2020
    t:0.02 s:58535 v:5232643
    Torna su
    INFORMAZIONI
    Tra le tante figure professionali che operano nel settore assistenziale, spicca quella della solidarietà familiare, la Badante, un vero punto di riferimento per chi lavora e non può lasciare i genitori anziani da soli. Questa è una professione di grande responsabilità perché si viene accolti in una nuova famiglia, si incontrano culture diverse e si entra in contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo.

    Tuttavia, non è così facile come sembra diventare un'assistente familiare. Infatti, oltre a un'innata passione per la cura del prossimo, è necessaria una attenzione particolare, in alcuni casi, come le infermiere, si richiedono conoscenze approfondite e abilità specifiche. Nel nostro sito troverete tutte le informazioni utili a selezionare la persona giusta.
     
    Scrivici
     
    NON SONO UN ROBOT
    INVIA MESSAGGIO
     
    Treviso Coronavirus autobus di badanti contagiate ASL Ottieni il tuo tampone anche se irregolare marocchine bologna badanti badanti in
    badanti.app

    © 2020 TUTTI I DIRITTI RISERVATI
     
    Seguici:
    Badanti coronavirus
    Badanti regolarizzazione
    Badanti roma
     
     
    LINGUA: